BASF è stata premiata per il suo contributo allo sviluppo sostenibile con la gamma di prodotti R-M® eSense | rmpaint
 
 
 
 
 
Notizia
BASF è stata premiata per il suo contributo allo sviluppo sostenibile con la gamma di prodotti R-M® eSense

La linea "eSense" di R-M ha ricevuto il premio Pierre Potier nella categoria "Processo". Dal 2006 tale premio è conferito ogni anno in Francia dalla Fondazione “Maison de la Chimie” e dall’unione dell’industria chimica (Union des Industries chimiques, UIC). È un riconoscimento delle innovazioni nell’ambito della chimica che sono particolarmente sostenibili e che promuovono lo sviluppo di approcci sostenibili nella vita quotidiana dei consumatori. L’innovazione consiste nell’utilizzare materie prime rinnovabili nel processo di produzione. La sua formulazione all’avanguardia consente ai carrozzieri di ridurre i tempi di essiccazione durante il processo di riparazione, riducendo sia il consumo di energia che le emissioni di gas serra.

La Divisione Coatings di BASF ha ricevuto il premio Pierre Potier nella categoria "Processi rispettosi dell'ambiente" per eSense, una linea di prodotti adatta per tutte le riparazioni della carrozzeria. La cerimonia di premiazione si è svolta alla presenza di Agnès Pannier-Runacher, Segretario di Stato presso il Ministero dell'Economia e delle Finanze in Francia. Il premio Pierre Potier promuove lo sviluppo di approcci eco-responsabili nel settore della chimica e viene assegnato alle aziende chimiche innovative che migliorano costantemente i loro prodotti e processi per proteggere l'ambiente, fornendo soluzioni alle sfide del cambiamento ambientale.

L'innovazione della gamma eSense si basa sull’approccio “Biomass Balance” di BASF, sviluppato in collaborazione con l'ente di certificazione TÜV SÜD. Questo approccio prevede l'utilizzo di risorse rinnovabili per ridurre la percentuale di risorse fossili fin dall'inizio del processo di produzione dei prodotti vernicianti. La quota di materie prime rinnovabili utilizzate come materiale di partenza viene quindi assegnata a una selezione di prodotti finali. L'uso di risorse rinnovabili, in questo caso biogas o bionafta, rende la linea eSense parte integrante dell'eco-economia.

eSense: buono per le auto, buono per l'ambiente

I tempi di essiccazione dei prodotti significativamente più brevi nel processo di riparazione portano a una drastica riduzione del consumo di energia e delle emissioni di gas serra. «La sfida, a cui i nostri team hanno risposto, è quella di fornire soluzioni tecniche per i processi di riparazione che funzionano come i sistemi convenzionali, migliorando significativamente le prestazioni ambientali. Questa peculiarità, unica nel settore delle vernici automobilistiche, rende la gamma eSense la soluzione sostenibile per la riparazione dei veicoli. Inoltre, ricevere questo premio nell'anno in cui R-M celebra 100 anni dalla nascita è proprio un bel regalo», afferma Fabien Boschetti, Managing Director di BASF Coatings Services France.

In termini concreti, se un carrozziere utilizza i prodotti eSense per riparare l'equivalente di 2,5 pannelli, risparmia 550 g di CO2. Grazie a eSense, il carrozziere ora può utilizzare prodotti con prestazioni pari o migliori dei prodotti convenzionali, ma con prestazioni ambientali superiori. Infine, per l'utente finale, questa innovazione risponde al desiderio di essere un automobilista eco-responsabile.

Innovazioni responsabili per un futuro sostenibile

Con eSense BASF conferma il il proprio impegno per la protezione del clima in modo efficiente dal punto di vista economico ed ecologico. «Il cambiamento climatico è una delle principali sfide della nostra società e BASF ha innovato per molti anni in questo campo. L'efficienza energetica e l'uso di risorse rinnovabili sono importanti punti di partenza per combinare protezione del clima, conservazione delle risorse e benefici economici. Di fatto, questo premio riconosce l'esperienza di BASF in questi ambiti. Pertanto, sono molto orgoglioso di questo premio, che è il culmine del lavoro e dell'impegno mostrato dai nostri team», afferma Thierry Herning, Managing Director di BASF France.

Premio Pierre Potier: un impegno per la chimica sostenibile

Il Premio Pierre Potier è stato istituito nel 2006 su iniziativa del Ministero dell'Economia, delle Finanze e dell'Industria ed è sostenuto dal centro congressi internazionale Maison de la Chimie di Parigi e da France Chimie, l'organizzazione ufficiale del settore chimico francese. Il Premio Pierre Potier premia le innovazioni dell'industria chimica a favore dello sviluppo sostenibile, le cui applicazioni sono al centro della vita quotidiana dei consumatori. L'obiettivo è promuovere lo sviluppo di approcci eco-responsabili nel settore.

 
 
By continuing to browse the website you are agreeing to our use of cookies to propose you the most relevant services and offers. For more details, review our cookies policy.
Click here and agree